Authentication - Register

Complete the form below to create your account

This will be your public name in the community
We need this to keep you informed about your account

Mandatory data for replying to your request.

Why you'll love MyOlympus

All members get access to exclusive benefits:

  • Member community
  • Register products
  • Extended warranty
  • Monthly newsletter

Trovare la felicità nella semplicità

La fotografia non è mai stata così tecnologica come ai giorni nostri, ma l'essenza stessa dell'arte è molto analogica. E questo è molto positivo, poiché ci permette, come artisti, di concentrare la nostra energia sul risultato finale, le immagini.

Indipendentemente da dove scattiamo, dal nostro soggetto e dalla attrezzatura che utilizziamo, noi fotografi ci sforziamo di regalare emozioni. L'emozione può anche essere solo la nostra, quella di essere ispirati e soddisfatti delle immagini che creiamo. Oppure può essere che qualcun altro veda le nostre foto e reagisca ad esse. Senza emozione la fotografia è muta e noiosa.

 Olympus Visionary Moises Cugat

L'emozione della fotografia è stata vitale per me. Sono laureato in Ingegneria e la fotografia mi ha permesso di esplorare il mio lato artistico con strumenti tecnici ma al tempo stesso creativi. Mi piace provare e studiare le tecnologie fotografiche, modificandole a mio piacere per creare arte, a volte anche in modo non convenzionale. Per questo è diventata la mia passione e tiene vivo il mio desiderio di imparare, ogni giorno.

L'idea di questo articolo viene da Olympus: mi è stato chiesto se ero disposto a provare un nuovo obiettivo che avrebbe potuto essere perfetto per il mio stile di fare fotografia di paesaggio. Entusiasta di accettare, invece di fare un test tradizionale, ho però deciso di raccontare una storia attraverso le immagini e le esperienze vissute mentre le creavo.
Così è nata la mia storia con il nuovo zoom grandangolare M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO.

@Moises Cugat l  M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 9mm l F4.5 l 1/6s l ISO200

Foto ad alta risoluzione degli scogli ricchi di dettagli di Cala Canyet.

Filtrare tutto ciò che è superfluo

La mia fotografia si focalizza principalmente sui paesaggi. Mi piace stare all'aperto e sono costantemente alla ricerca di nuovi luoghi da immortalare. Per raggiungere questi luoghi spesso devo viaggiare e camminare molto, per cui tendo a ridurre al minimo l'attrezzatura che porto con me.

Tuttavia, con molti soggetti utilizzo un treppiede che mi consente di addolcire il movimento dell'acqua o delle nuvole con tempi di esposizione lunghi. O di comporre immagini multiple in post-produzione. A volte non posso fare a meno di portare uno stativo, ma in genere preferisco evitare di mettere in borsa accessori extra.

Quando ho iniziato a fotografare, ho acquistato per caso una fotocamera Olympus: guardando indietro non avrei potuto fare scelta migliore. Non sapevo quali soggetti mi sarebbe piaciuto riprendere né il tipo di fotografo che sarei diventato, per cui all'inizio non ero in grado di sapere quali fossero le mie necessità. Innamoratomi della fotografia di paesaggio, sono rimasto molto soddisfatto delle dimensioni e dagli altri vantaggi offerti da questo agile sistema.

Ma c'è una cosa che infastidisce me e molti altri colleghi nella fotografia di paesaggio: i filtri. In molte delle mie immagini, mi piace utilizzare filtri graduati, ND e polarizzatori circolari. E qui sta il problema, perché indipendentemente dal sistema, gli obiettivi più grandangolari difficilmente consentono l'applicazione di un filtro filettato: l'elemento frontale è semplicemente troppo grande per cui siamo costretti a montare sui nostri obiettivi portafiltri e filtri quadrati di grandi dimensioni.

Vi faccio notare che la mia fotocamera (E-M1 Mark III) dispone di un "trucchetto" chiamato LiveND, in pratica un "filtro" ND elettronico che reputo molto utile. Tuttavia non può sostituire un filtro graduato utile per scurire soltanto il cielo. E neppure un polarizzatore.

@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 8 mm l F7.1 l 1.6s l ISO200


Gli ambienti umidi e nebbiosi non sono un problema per le fotocamera e gli obiettivi realmente resistenti alle intemperie. Quando si utilizza sull'obiettivo un filtro polarizzatore circolare dotato di filettatura è facilissimo aggiungere un ulteriore filtro graduato.


La prima sorpresa è stato scoprire che su questo obiettivo è possibile montare i normali filtri filettati. Ho potuto così abbandonare i sistemi di supporto per filtri di grandi dimensioni e mettere in borsa giusto qualche filtro più piccolo. L'uso di un polarizzatore circolare è efficace sull'acqua ma anche nel cuore di una foresta, poiché riduce i riflessi di foglie ed erba esaltando al massimo tutta la gamma cromatica dei verdi nelle immagini. Io uso moltissimo i polarizzatori pertanto un filtro filettato è essenziale per me.

Creare arte e ricordi

Nella gamma Olympus, il cugino più prossimo tra gli zoom grandangolari è l'M.Zuiko Digital ED 7-14mm F2.8 PRO, di cui ho fatto largo uso negli ultimi anni. Rispetto al nuovo obiettivo M.Zuiko Digital ED 8-25 F4.0 PRO mm è ovviamente più corto di un millimetro all'estremità più grandangolare, ma le specifiche tecniche e il mondo reale sono due mondi a parte. Il primo giorno in cui ho utilizzato il nuovo obiettivo, ho notato che per il mio tipo di fotografia, un obiettivo 8 mm è sufficientemente grandangolare da consentirmi di riprendere i paesaggi di più ampio respiro, come dimostra l'immagine di stamattina ripresa a Cala Bramant. La sensazione del vento che mi soffia sul viso è assolutamente impagabile.

@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO  8 mm l F5 l 3.2s l ISO200

Il nuovo obiettivo perde un millimetro all'estremitàa grandangolare, ma ho constatato che un 8 mm è sufficientemente ampio per i miei soggetti.


Oltretutto, in un confronto sul campo, la perdita di un millimetro alla focale minore è meno rilevante di quanto si possa pensare e può essere largamente compensata dall'altra estremità dell'escursione focale dello zoom. Spesso le persone giudicano i propri obiettivi dalle focali estreme e, specialmente nei grandangolari, si concentrano troppo sulla focale più corta. Uno zoom però è progettato per essere utilizzato a lunghezze focali differenti, per cui che cosa otteniamo dalla focale più lunga di uno zoom grandangolare?

Uno zoom grandangolare tradizionale spazia da un ultra-grandangolare a un più "normale" grandangolo, ma questo nuovo obiettivo amplia la gamma fino a 25 mm. Avere una visione ultra-grandangolare e l'equivalente di un obiettivo "normale" (equivalente ad un 50 mm del formato 35mm) in un unico zoom significa poter scattare due diverse visuali della stessa scena senza dover cambiare l'obiettivo.

In genere, i colori migliori delle albe e dei tramonti non coprono tutto il cielo, pertanto allontanarsi un po' di più dal soggetto e utilizzare la lunghezza focale 25 mm più lunga consente di ingrandire la porzione colorata del cielo e ottenere una composizione più bilanciata.

La magica "ora d'oro" nel sud dell'Europa corrisponde in realtà a "minuti d'oro", poiché il sole sorge o tramonta molto rapidamente. Quando la luce è semplicemente perfetta, il tempo guadagnato non dovendo cambiare l'obiettivo e i filtri montati su di esso può fare la differenza tra riuscire o meno ad ottenere lo scatto.

@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 8 mm l F5 l 1/5s l ISO200




Inoltre, la possibilità di poter scattare più foto della stessa inquadratura spesso significa che invece di creare un'unica immagine importante, si ottengono altre composizioni che rafforzano il ricordo del luogo. Questo è un argomento che mi sta molto a cuore, perché con la mia fotografia voglio sempre creare arte e ricordi.

Lasciate che il sole splenda su di voi

Anche se preferisco che siano le mie immagini a parlare piuttosto che le mie parole, è giusto citare alcuni aspetti tecnici dell'obiettivo. Per prima cosa, se è la nitidezza a preoccuparvi, non è questo il caso. Per la mia esperienza, il nuovo obiettivo M.Zuiko Digital ED 8-25 mm F4.0 PRO offre la stessa nitidezza del mio fidato M.Zuiko Digital ED 7-14 mm PRO. La resa di contrasto e colore è incredibile e le immagini risultano ultra-nitide già alla massima apertura F4. 

Lo stesso vale anche per i bordi dell'immagine che risultano praticamente perfetti. Per cui non preoccupatevi: lo ha verificato l'ingegnere che è in me!

Un altro aspetto positivo in merito alla qualità dell'immagine è che il nuovo obiettivo è meno prono ai riflessi rispetto alla maggior parte degli altri ultra-grandangoli: Ciò è dovuto alla porzione di lente che fuoriesce dal corpo di molti obiettivi grandangolari. Anche quando si scatta direttamente verso il sole, i riflessi creati dal nuovo obiettivo sono ridotti e facilmente gestibili. Per me questo rappresenta un grande vantaggio perché mi permette di riprendere liberamente i paesaggi che in precedenza risultavano difficoltosi o richiedevano grandi interventi di post-produzione.

@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 20 mm l F11 l 0.5s l ISO200




@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 9 mm l F4.5 l 8s l ISO200




Il nuovo obiettivo 8-25mm montato sulla mia E-M1 Mark III in compagnia di altri obiettivi M.Zuiko PRO.

Pertanto, in termini di qualità dell'immagine, l'M.Zuiko PRO è un successo. Anche l'aspetto esteriore dell'obiettivo risulterà familiare agli attuali utilizzatori degli obiettivi Olympus PRO. Le dimensioni sono molto simili a quelle dello zoom standard M. Zuiko Digital ED 12-40 mm F2.8 PRO, e ciò lo rende estremamente maneggevole.

Liberi di essere

Come probabilmente avrete capito, sono un fotografo di paesaggi con tutto ciò che questo comporta. Mi piace camminare nella foresta, dormire in una tenda o in un camper in mezzo al nulla solo per sentire quell'impeto quando ci si sveglia e si è soli a guardare quei rossi e quegli arancioni che lentamente prendono il sopravvento sui blu di fronte a un luogo che toglie il respiro.

@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 8 mm l F4 l 2s l ISO200




Un vecchio detto in fotografia recita "F8 ed essere lì". In pratica significa che è molto più importante essere in un luogo e scattare la fotografia che la tecnica o l'attrezzatura effettivamente utilizzata. Mi trovo decisamente d'accordo (salvo che a mio avviso con gli obiettivi M.Zuiko si puà scattare alla massima apertura senza alcuna esitazione) ma con qualche modifica personale. Nella fotografia di paesaggio è fondamentale essere pronti quando la luce è perfetta. Ciò significa che spesso le foto che si vogliono scattare richiedono tempo, pazienza e a volte occorre tornare più volte in luoghi già visitati.

Spesso per raggiungere tali luoghi è necessario camminare a lungo e avere voglia di portarsi dietro l'attrezzatura. Uno dei motivi principali per cui ho scelto di diventare un utilizzatore dei prodotti Olympus e di rimanere tale è che grazie alla leggerezza e alle ridotte dimensioni dell'attrezzatura, non sono mai costretto a enormi sacrifici per raggiungere i luoghi dove voglio andare. E neppure dover rinunciare a portare con me gli obiettivi giusti.

Fondamentalmente è per questo motivo che reputo il nuovo obiettivo M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO perfetto per me. Copre un'incredibile gamma focale, dal super grandangolare a un interessante 50 mm equivalente (nel formato 35mm), per cui in pratica da solo sopperisce alla metà delle mie esigenze di focale. Abbinatelo all'M.Zuiko Digital ED 12-100 F4 PRO o all'M.Zuiko Digital ED 40-150 F2.8 PRO e il vostro zaino sarà più leggero che mai.

@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 14 mm l F4.5 l 2.5s l ISO200

Eccomi appeso tra due tronchi per trovare l'angolalazione migliore. Non sento la necessità di utilizzare il treppiede con esposizioni che durano fino a due secondi, dato che lo stabilizzatore della mia fotocamera mi permette di scattare esposizioni più lunghe, ad esempio alle cascate.



@Moises Cugat l M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO 8 mm l F5.6 l 20s l ISO200



Per saperne di più:

M.Zuiko Digital ED 8-25mm F4.0 PRO

About the author

Related Tags

Comments

More from ‘Adventure Landscape’