Authentication - Register

Complete the form below to create your account

This will be your public name in the community
We need this to keep you informed about your account

Mandatory data for replying to your request.

Why you'll love MyOlympus

All members get access to exclusive benefits:

  • Member community
  • Register products
  • Extended warranty
  • Monthly newsletter

8 suggerimenti per i paesaggi al chiaro di Luna

Come fotografo, una delle domande più frequenti che mi viene posta riguarda le corrette modaità per riprendere la Luna. In effetti, questa domanda compare circa una volta al mese, quando si ha la Luna piena. La gente ama fotografare la Luna piena, ma una volta finito l'evento, l'interesse dimostrato verso il nostro satellite scema notevolmente. Tale interesse è facilmente condivisibile. La Luna piena, in particolare quando sorge, può essere un soggetto emozionante (e anche complesso) da fotografare.

Una ripresa ravvicinata per fotografare il sorgere della Luna è sicuramente gratificante, ma è anche possibile sfruttare la luce della Luna per catturare delle belle immagini panoramiche.

In quanto fotografo di paesaggi, sono sempre alla ricerca di modi interessanti di presentazione della scena. E come molti altri, lavoro principalmente all'inizio e alla fine della giornata, ovvero nelle ore magiche. Ma, siccome amo anche l'astrofotografia, ho scoperto che posso ampliare gli scenari paesaggistici scattando alla luce della Luna.

Di seguito alcuni consigli che possono esservi utili nella fotografia di paesaggio "fuori orario".

1. CONOSCERE LA LUNA

Iniziamo con un'ovvietà: è difficile fotografare al chiaro di luna se non è ancora sorta in cielo. Da bambino osservavo le fasi lunari stampate sui calendari domandandomi a chi mai potessero interessare. Ora mi interessano e naturalmente non consulto più i calendari cartacei. Oggi sono disponibili numerosi siti Web e applicazioni che identificano le fasi lunari, l'ora del sorgere e del tramontare della Luna e la relativa direzione. Normalmente quale riferimento principale uso timeanddate.com. Ogni fase intermedia dalla mezza Luna alla Luna piena offre una luminosità sufficiente per la fotografia paesaggistica notturna.

2. UN PO' DI PIANIFICAZIONE È UTILE

Non fatevi ingannare dalle immagini di questo post: nella maggior parte di queste era decisamente buio. Ciò significa che la pianificazione dello scatto ha un'importanza ancora maggiore rispetto alle riprese in luce diurna. Quando mi preparo per un'uscita notturna, tengo in considerazione quanto segue:

  • Località specifica. Può essere difficile trovare il punto esatto che avete scovato durante il giorno. Annotate i riferimenti, le distanze e la segnaletica dei sentieri.
  • Portate una lampada frontale e batterie di riserva.
  • Fate il pieno di carburante. Se vi avventurate in una località remota, è molto probabile che che le stazioni di servizio non siano aperte di notte.
  • Pensate alla comodità. Abiti caldi, calzature adeguate, caffè e spuntini: spesso il vostro successo dipende da quanto siete a vostro agio.

3. PENSATE IN LARGO

Se volete catturare tutti i dettagli della Luna, il teleobiettivo è la scelta più ovvia. Ma, poiché lo scopo primario è catturare un'immagine del paesaggio, scegliete un obiettivo per paesaggi. Nel mio kit dispongo di diversi eccellenti obiettivi perfetti per questo stile di fotografia in scarsità di luce: M.Zuiko Digital ED 7-14mm F2.8 PRO, M.Zuiko Digital ED 8mm F1.8 Fisheye pro, M.Zuiko Digital ED 12mm F2.0, M.Zuiko Digital ED 12-40mm F2.8 PRO e M.Zuiko Digital ED 17mm PRO. Per la maggior parte dei paesaggi al chiaro di luna, tendo a utilizzare il 7-14mm: è sufficientemente rapido in condizioni di luce scarsa e offre il campo visivo perfetto nella maggior parte delle situazioni.

Al contrario dei tre fotografi accanto a me che usavano teleobiettivi per riprendere la Luna, io ho montato il mio fidato 8mm fisheye per ottenere una ripresa dell'arco più ampia possibile.

4. VOLTATE LE SPALLE ALLA LUNA

L'inclusione della Luna nell'immagine può creare un punto focale interessante, ma se provate a spostare l'inquadratura dalla Luna potete catturare una scena con un'illuminazione ancora maggiore. Queste esposizioni permettono di capire quanta luce solare viene riflessa dalla Luna. I nostri occhi non sono in grado di vedere i colori quando la luce è così fioca, pertanto è sorprendente veder comparire tutte le tonalità diurne sul proprio LCD.

Per ottenere maggiore profondità in questo scatto di "The Courthouse" nell'Arches National Park, ho utilizzato il bracketing con tre scatti.

Con un tempo di esposizione più lungo, la luce della Luna può trasformare la notte in giorno. Durante questo scatto, era così buio che non avevo neanche notato le mucche sdraiate sotto l'albero. Per fortuna non si sono mosse durante l'esposizione.

5. Una lieve copertura del cielo sarà vostra alleata

Per la normale astrofotografia cerco di evitare qualsiasi tipo di velatura di nuvole, ma per un paesaggio al chiaro di Luna funziona alla grande! Purché non sia troppo. Come per la fotografia al tramonto, un po' di nuvole possono far ottenere uno scatto sensazionale o deludente e qui vale lo stesso principio. Se state raggiungendo un luogo di ripresa, controllate la nuvolosità su un'immagine satellitare o utilizzate una mappa delle aree di cielo sgombro della zona in cui vi recate.

Un po' di nuvole possono rendere la composizione più interessante.

6. Perfetto per l'inverno

Secondo me l'inverno è la stagione perfetta per riprendere i paesaggi al chiaro di Luna, per tre motivi:

  • il nucleo della Via Lattea, che normalmente devia la mia attenzione, non è più visibile nell'emisfero settentrionale;
  • il manto di neve riflette molta della luce lunare creando un piacevole sfondo chiaro ed elimina la necessità di disegnare con la luce;
  • dato che le notti sono più lunghe, non devo aspettare dopo la mezzanotte per fare le riprese (non posso rinunciare al mio sonno di bellezza!).

7. Usate il Live Composite

Per lo stesso motivo cui accennavo prima, in inverno mi piace usare il Live Composite. Faccio qualche scatto di prova per verificare la composizione e la corretta esposizione, quindi avvio la funzione Live Composite sulla mia fotocamera Olympus e osservo la creazione delle tracce delle stelle. Se non conoscete questa funzione, potete consultare le mie istruzioni dettagliate.

Un lieve chiaro di Luna ha permesso di ottenere una perfetta illuminazione di sfondo in questo scatto. (OM-D E-M1, M.Zuiko Digital 7-14mm F2.8 PRO, 15s a f/2.8)

Uno scatto di prova con la Luna oltre la mia spalla sinistra.

L'otturatore della fotocamera è rimasto aperto per circa un'ora, permettendomi di catturare il movimento delle stelle nel cielo notturno, senza disturbare la bella illuminazione dello sfondo.

8. L'impostazione è importante

Ogni situazione è differente e richiede una diversa impostazione della fotocamera, ma ci sono alcune generalizzazioni che possiamo applicare alle foto di questo tipo:

  • Utilizzate la modalità manuale: volete poter controllare tutti gli aspetti del triangolo di esposizione.
  • Apertura: scattate a tutta apertura a meno che non sia presente un soggetto dello sfondo che potrebbe richiedere un diaframma ridotto. Detto ciò, il bracketing della messa a fuoco può essere una valida alternativa allo "stop-down" dell'obiettivo.
  • Velocità dell'otturatore e ISO: poiché la quantità di illuminazione dalla Luna nella scena può variare enormemente in base alle diverse fasi lunari, alla posizione della Luna e alla copertura del cielo, queste due impostazioni potrebbero richiedere un po' di sperimentazione in una qualsiasi ripresa notturna. Nel caso dell'astrofotografia normale, inizierei con un ISO di 1600, ma con un chiaro di Luna pieno potrei abbassare questa impostazione settandola tra 640 e 1000. Poi procederei a regolare la velocità dell'otturatore in base al valore di esposizione che desidero.
  • Messa a fuoco manuale: l'oscurità che cercate di riprendere è nemica del sistema autofocus della fotocamera. Utilizzate la messa a fuoco manuale impostandola sull'infinito. Di notte può non essere così facile, per cui normalmente punto la fotocamera prima sulla Luna (o un altro oggetto illuminato) e uso la funzione di messa a fuoco assistita integrata nella fotocamera (peaking di ingrandimento e messa a fuoco).
  • Live Time: non uso Live Time per lo scatto effettivo, ma può essere molto utile nella composizione poiché amplifica la scena nel Viewfinder consentendomi di creare una composizione più rapida. Una volta soddisfatto della composizione generale, ritorno all'impostazione Manuale.

Anche la scelta dell'obiettivo influisce enormemente sull'impostazione prescelta. Un obiettivo più veloce consente di ridurre l'ISO e/o usare tempi più rapidi dell'otturatore.

Questa foto potrebbe non essere pertinente a questo articolo dato che nella maggior parte di questa esposizione in composizione live la Luna era più bassa dell'orizzonte. Ho usato la temporizzazione per catturare la Luna non appena spuntava. Questo spiega anche perché le impostazioni della fotocamera sono quelle di un tipico scatto delle stelle.

PER CONCLUDERE

Essendo un fotografo di paesaggi, sono sempre alla ricerca di nuovi modi per ampliare il mio repertorio. Un luogo a voi ben noto può apparire notevolmente diverso al chiaro di Luna e regalare un effetto completamente diverso alla scena.

Posizionando la Luna direttamente dietro all'albero, sono riuscito a includere un po' di illuminazione creativa e allungare le ombre.

Ripubblicato dal blog Creative Island Photography con l'autorizzazione di Peter Baumgarten. L'articolo e i commenti originali possono essere visualizzati qui.


Prodotti citati:


Biografia

Ulteriori informazioni su Peter Baumgarten

About the author

Related Tags

Comments

More from ‘Adventure Landscape’