Authentication - Register

Complete the form below to create your account

This will be your public name in the community
We need this to keep you informed about your account

Mandatory data for replying to your request.

Why you'll love MyOlympus

All members get access to exclusive benefits:

  • Member community
  • Register products
  • Extended warranty
  • Monthly newsletter

Prime impressioni sul moltiplicatore di focale M.Zuiko Digital 2x MC-20

Se due anni fa mi avessero chiesto se fossi interessato a utilizzare un moltiplicatore di focale 2x, la risposta sarebbe stata un categorico "no". Avevo avuto alcune esperienze negative quando utilizzavo il mio vecchio sistema reflex digitale, ottenendo una scarsa qualità dell'immagine e una messa a fuoco automatica inaffidabile. Quando mi hanno chiesto di provare il nuovo moltiplicatore di focale Olympus M.Zuiko Digital 2x MC-20, ero moderatamente entusiasta. Ero conscio di avere la massima fiducia nell'attrezzatura Olympus, ma non potevo ignorare le mie precedenti esperienze.

La prima tappa del progetto è stata presso il lago Kerkini. Avendo già visitato il lago in passato, sarei stato in grado di concentrarmi esclusivamente sulla fotografia, senza dover al tempo stesso prendere confidenza con il luogo. All'arrivo, le condizioni erano piuttosto estreme, con molte strade coperte da spanne di neve e lastre di ghiaccio. Il lago stesso era ghiacciato e perciò molte barche non poterono navigare per diversi giorni. Ogni volta che provavano a rimuovere il ghiaccio, si riformava durante la notte. In questo modo, si era creato un delicato e scomposto strato di ghiaccio ai bordi del lago e per questo motivo i pellicani erano ansiosi di atterrarci vicino. Fortunatamente, con il passare del tempo si sono formate due piccole aperture nel ghiaccio che davano ai pellicani la possibilità di avvicinarsi sull'acqua, mentre io ero disteso sul ghiaccio aspettando il momento giusto. Poiché l'apertura era piuttosto stretta, era difficile isolare i singoli soggetti e molto spesso gli uccelli apparivano nell'inquadratura a tradimento in primo piano o sullo sfondo.

 OM-D E-M1X • M.Zuiko Digital ED 40-150mm F2.8 PRO + M.Zuiko Digital 2x Teleconverter MC-20 • F5.6 • 1/800s • ISO 1000

 OM-D E-M1X • M.Zuiko Digital ED 300mm F4 IS PRO + M.Zuiko Digital 2x Teleconverter MC-20 • F8 • 1/500s • ISO 1250

 

 OM-D E-M1X • M.Zuiko Digital ED 300mm F4 IS PRO + M.Zuiko Digital 2x Teleconverter MC-20 • F8 • 1/1250s • ISO 1000

Sebbene i pellicani fossero una delle specie che più desideravo fotografare in quel luogo, l'anno precedente avevo scoperto un luogo che ospitava delle nutrie. Nonostante sia una specie invasiva, sono decisamente uno dei miei animali preferiti da fotografare a causa del loro straordinario comportamento e della loro natura carismatica. Le caratteristiche del luogo facevano sì che dovessi strisciare e rimanere disteso sul pantano congelato che si scioglieva sotto di me col passare del tempo. Le nutrie lottavano per farsi strada nella pozza ghiacciata, spesso cadendoci dentro, ma alcune opportunità per scattare fotografie si sono presentate quando hanno finalmente raggiunto la riva.

 OM-D E-M1X • M.Zuiko Digital ED 300mm F4 IS PRO + M.Zuiko Digital 2x Teleconverter MC-20 • F8 • 1/640s • ISO 1600

Chiaramente, i miei obiettivi principali erano mettere alla prova il nuovo moltiplicatore di focale e scattare una serie di immagini e, in entrambi i casi, non sono rimasto deluso. Sebbene fosse difficile scattare fotografie in quelle condizioni, con la diffrazione sulle lastre di ghiaccio e una luce impietosa, il moltiplicatore di focale non ha mai vacillato in termini di messa a fuoco e nitidezza delle immagini.

La seconda parte del progetto mi ha portato in Scozia, dove purtroppo mi ha seguito anche il maltempo. Per i primi giorni dovetti rimanere barricato in hotel a causa delle condizioni pericolose delle strade e della chiusura di parecchie vie. Quando finalmente fu nuovamente sicuro mettersi in viaggio, le montagne erano del tutto impraticabili, con il vento che superava le 50 miglia orarie, creando piccole valanghe che avrebbero potuto travolgere i visitatori. Le lepri erano abbastanza furbe da evitarle, scavando buche nella neve e rimanendo sotto terra per sfuggire alle condizioni più ostili. Ci vollero parecchi giorni e un prolungamento del viaggio prima di iniziare a ottenere risultati man mano che le condizioni diventavano sufficientemente favorevoli da consentire alle lepri di riemergere e da rendere il sito nuovamente accessibile. Nonostante le temperature rimanessero sotto lo zero, l'attrezzatura funzionava perfettamente. Quando il progetto si è concluso, mi è dispiaciuto dovermi separare dal moltiplicatore di focale M.Zuiko Digital 2x MC-20 e tutte le mie preoccupazioni iniziali erano scomparse. È uno strumento eccezionale che, non appena sarà disponibile, diventerà sicuramente un componente importante del mio corredo.

 OM-D E-M1X • M.Zuiko Digital ED 40-150mm F2.8 PRO + M.Zuiko Digital 2x Teleconverter MC-20 • F5.6 • 1/800s • ISO 1000

Puoi guardare la mia recensione completa qui: